Libro D'ore del Maestro di Carlo V°

Archivium

Il libro d Ore del Maestro di Carlo V

Formato cm 6,5 x 9

Un grande capolavoro che Archivium si appresta a divulgare, il codice miniato di Simon Bening, miniatore fiammingo vissuto a cavallo tra il XV e il XVI secolo. Artista di spicco, apprezzato e conosciuto in tutta Europa grazie alle molteplici commissioni provenienti da famiglie reali o estremamente ricche del continente

Il manoscritto presenta nel calendario incompleto, 12 miniature (25 x 25 mm ca.), inquadrate in una fittizia cornice lignea, più altrettante illustrazioni del simbolo zodiacale; 14 miniature a piena pagina, all’interno di una cornice lignea ad arco, bordate su tre lati da elementi architettonici o floreali su fondo d’oro; 21 miniature più piccole, sempre inquadrate da cornice lignea; 22 iniziali decorate di diverse dimensioni. Ogni foglio è decorato da ampie bordure arricchite da elementi floreali, insetti, animali esotici o ornamenti architettonici.

Su concessione di:

Walters Ms. W.425

Tiratura limitata a 300 esemplari

Il codice miniato dall’apparato iconografico accuratissimo, nonostante le piccole dimensioni, si compone di 58 fogli singoli senza continuità testuale tra loro, poiché la rilegatura è avvenuta esclusivamente sulla base di principi estetici. Si suppone che possa esistere un libro d’ore gemello, composto da 12 fogli di calendario e dai fogli mancanti al libro d’ore del Maestro di Carlo V. L’utilizzo di lenti d’ingrandimento per la realizzazione delle
miniature, di dimensioni sempre più ridotte, dimostra la maestria degli artisti fiamminghi della bottega di Simon Bening.

La produzione del manoscritto è databile tra il trasferimento della Marchesa nelle Fiandre, a Breda, nel 1530, e la morte del visconte Hendrik III di Nassau-Dillemburg, nel 1538, quando la marchesa fu costretta, dal figlio legittimo del marito, a lasciare i Paesi Bassi e far ritorno a Valencia. Mentre la mano che ha trascritto i testi potrebbe essere quella di una monaca del Monastero Vecchio di Breda.

Il manoscritto è un’opera rara e preziosa, prodotta tra il 1530 ed il 1538 nelle Fiandre. Rappresenta una straordinaria testimonianza dell’arte
e dell’artigianato dell’epoca, ma è anche testimonianza delle vicende personali di una delle nobildonne più colte e potenti del Rinascimento Europeo: la marchesa Mencia de Mendoza (1508 – 1554). Secondo la ricostruzione storica, questo libro di preghiere venne commissionato dalla Marchesa come dono per il marito Hendrik III di Nassau-Dillemburg, visconte di Anversa e signore di Breda, in occasione di una delle
sue, purtroppo sfortunate, gravidanze. Hendrik III di Nassau fu confidente e ciambellano dell’Imperatore Carlo V d’Asburgo, oltre che intrepido uomo d’arme; la sua consorte, la marchesa Mencía de Mendoza, di venticinque anni più giovane, è stata una delle dame più istruite e influenti d’Europa, raffinata collezionista di opere d’arte, in contatto con i maggiori pittori, miniatori e orafi del suo tempo.
La ricostruzione dei documenti in archivio, rivela che, nelle Fiandre, la marchesa ha commissionato almeno dodici libri d’ore. Quelli richiesti a Simon Bening erano di piccole dimensioni, adatti aa essere indossati, grazie a una fine coperta in oro zecchino e pietre preziose, collegata con due anelli alla cintura, altrettanto pregiata.

Sei un Collezionista?
Ami l'Arte?